09.10.2018|BIMU 2018 - Automazione

Più valore aggiunto grazie all’automazione olistica

La DMG MORI HEITEC GmbH si afferma come partner dell’automazione per DMG MORI e per i suoi clienti.

  • DMG MORI HEITEC: la joint venture per un concetto di automazione integrato
  • Digital Twin: modelli virtuali a supporto dei processi di engineering
  • Connubio intelligente di macchina utensile e soluzione di automazione
  • Soluzioni di automazione per tutte le macchine DMG MORI
    • Gli stabilimenti produttivi forniscono macchina e automazione: tutto da un unico fornitore
    • Perfetta sintonia di hardware e software
  • Gamma d’offerta dall’automazione standard alla soluzione d’automazione personalizzata, fino alla soluzione chiavi in mano
  • Already more than 2,000 delivered machine tools with automation
  • Già oltre 2000 macchine fornite complete di automazione

L’automazione è un pilastro importante della futura strategia di DMG MORI: una macchina nuova su quattro è già automatizzata o predisposta per l’automazione. Parallelamente, dal novembre 2017 DMG MORI ha potenziato ulteriormente le proprie competenze nell’automazione, siglando una joint venture con la DMG MORI HEITEC. Il focus di questa joint venture è di fornire supporto, in quanto partner di automazione di DMG MORI, alle attività di sviluppo e realizzazione di soluzioni flessibili di automazione e di gestione pezzi. La competenza nell’automazione, ad esempio nella gestione pallet, viene integrata direttamente negli stabilimenti di produzione di DMG MORI. L’interazione tra l’engineering degli stabilimenti di produzione di DMG MORI e le competenze di automazione di DMG MORI HEITEC offre al cliente una soluzione personalizzata, completa ed affidabile in fatto di sicurezza di processo: dall’ingegneria, attraverso le attrezzature, il tooling e i programmi CN, fino all’automazione integrata. Il tutto da un unico fornitore. DMG MORI HEITEC offre, inoltre, servizi che vanno dalla configurazione fino all’utilizzo del sistema, compresa la conversione o l’espansione di un sistema a prodotti aggiuntivi. In occasione della BIMU, DMG MORI darà dimostrazione delle sue competenze di automazione, presentando gli ultimi sviluppi nel campo delle soluzioni per la produzione automatizzata, appartenenti al portafoglio di prodotti del Gruppo.

digitalization
La DMU 50 di terza generazione con WH 15 Cell consente la lavorazione a 5 assi automatizzata di componenti fino a 15 kg.


DMG MORI HEITEC
DMG MORI HEITEC è fornitore di soluzioni di automazione modulari perfettamente integrate tra loro.

Forte del suo approccio olistico, DMG MORI HEITEC si propone come fornitore di soluzioni di automazione modulari perfettamente integrate tra loro. I suoi progetti vedono un’intensa partecipazione di DMG MORI in quanto costruttore di macchine utensili, nonché dei clienti stessi e delle aziende partner del Gruppo, come, ad esempio, nel campo della tecnologia dei dispositivi prendi-pezzo. "Fondamentalmente realizziamo celle di produzione e sistemi completi su base modulare, che consentono poi configurazioni individuali e modifiche personalizzate", spiega Kai Lenfert, insieme a Markus Rehm, Amministratori delegati della DMG MORI HEITEC GmbH. Ed è proprio questo il fattore decisivo, specialmente per le piccole e medie imprese. "Anche se queste aziende rappresentano una buona percentuale dei clienti DMG MORI, noi, in quanto produttori di soluzioni di automazione, non facciamo differenze in base alle dimensioni dell’azienda", aggiunge Markus Rehm. Per DMG MORI conta soltanto risolvere il problema. "Questa prospettiva non ha, peraltro, dei confini ben precisi." Tali interventi concreti di risoluzione sono solo un lato della medaglia. DMG MORI HEITEC punta anche alla lungimiranza nella creazione di valore. E Markus Rehm ne è convinto: "L’automazione è molto più della somma di macchine e sistemi dedicati di movimentazione, magazzino e logistica."

Every fourth new machine of DMG MORI is already automated or equipped for it.

È anche necessario considerare le importanti implicazioni dell’automazione sull’intero complesso produttivo. Kai Lenfert fornisce un esempio semplice e chiaro: "Un cliente che intraprende la produzione non presidiata nel turno notturno con un sistema automatizzato deve anche essere in grado di predisporre le risorse necessarie nelle fasi di lavorazione antecedenti e successive alla produzione automatica". Più è complesso il progetto e più dettagliata dovrà essere la pianificazione preventiva del sistema, nonché, e soprattutto, più integrata nella catena di creazione del valore.

DMG MORI HEITEC
DMG MORI HEITEC è fornitore di soluzioni di automazione modulari perfettamente integrate tra loro.

Tutto sotto controllo con il digital engineering

Grazie all’interazione diretta con gli stabilimenti di DMG MORI, la DMG MORI HEITEC è in grado di pianificare qualsiasi progetto di automazione in modo molto concreto con l’ausilio della rappresentazione virtuale in tempo reale e di ottimizzarlo per rispondere alle esigenze specifiche del cliente. È persino possibile eseguire simultaneamente sul computer i programmi pezzo concreti e mostrarli al cliente ancor prima dell’installazione vera e propria dell’impianto di automazione. Questo offre alla clientela un elevato livello di sicurezza di investimento, garantisce una rapida installazione e messa in servizio presso cliente e assicura un inizio di produzione eccezionalmente veloce. I tempi di messa in servizio possono essere, infatti, ridotti fino all’80 percento. Ma il vero vantaggio è che il cliente, sulla base delle informazioni derivanti dai risultati di digital engineering virtuali, può valutare con molta precisione, già durante la fase decisionale, quale impatto ha il sistema di automazione nella catena di processo e che cosa potrebbe essere necessario fare al fine di garantire un funzionamento efficiente del sistema e di tutto il suo processo produttivo.

Considerando anche solo le possibilità di simulazione predittiva dei processi o di prevedibilità analitica degli eventi, DMG MORI HEITEC ritiene che già questi siano, di per sé, una base importante per Industria 4.0. Ma Markus Rehm sottolinea: "L’automazione e la digitalizzazione sono solo due degli elementi necessari, che si aggiungono alla tecnologia dell’informazione e tecnologia di produzione, alla tecnologia per sé e al processo – Nessuno di questi elementi può essere considerato indipendentemente dagli altri elementi". In definitiva, ci troviamo di fronte ad una sfida di carattere interdisciplinare: ovvero quella di essere per i nostri clienti un partner ideale e completo in tutti i settori di competenza.

  

Robo2Go di seconda generazione: automazione flessibile e facile da programmare

DMG MORI presenta alla BIMU una novità del suo portafoglio di automazione: la seconda generazione di Robo2Go. Il Robo2Go di seconda generazione può essere installato sui centri di tornitura delle serie CLX e CTX, nonché sui centri di tornitura / fresatura / lavorazione completa della serie CTX TC. Questa automazione robotizzata ad elevata flessibilità è semplice da comandare grazie al software di nuova concezione. Sulla base di moduli di programma predefiniti, con il Robo2Go di seconda generazione è possibile creare i processi in modo semplice e rapido, direttamente in CELOS, senza bisogno di alcuna nozione di programmazione di robotizzazioni. Il processo di apprendimento di un pezzo nuovo richiede, infatti, meno di 15 minuti. La nuova geometria della pinza presenta un profilo di interferenza ridotto ed una maggiore capacità di carico. Quest’ultima varia a seconda della versione, con valori pari a 10 kg, 20 kg o 35 kg.

L’elevata flessibilità del Robo2Go di seconda generazione si riferisce sia alla sua possibilità di impiego su più macchine – con un tempo massimo di riattrezzaggio di 30 minuti – sia alla capacità di movimentazione dei pezzi più svariati. Il Robo2Go di seconda generazione è dotato della funzione multi job, che consente l’esecuzione di diverse operazioni con un ripiano portapezzo, che nella nuova generazione è stato ampliato del 20 percento per quasi 90 pezzi. Inoltre, il Robo2Go di seconda generazione è in grado di impilare i pezzi. L’automazione dispone di una pinza parallela e permette la presa sia esterna che interna. È anche possibile l’impiego parallelo di un caricatore di barre. Lo stesso vale per la movimentazione di alberame, disponibile in opzione.

Sulla base di moduli di programma predefiniti, con il Robo2Go di seconda generazione è possibile creare i processi in modo semplice e rapido.

Ampio portafoglio di automazione al padiglione 11

Oltre alla presentazione del Robo2Go installato su un CLX 450 e un CTX beta 1250 TC, il costruttore di macchine utensili DMG MORI darà prova delle sue competenze di automazione, offrendo dimostrazioni in tempo reale su altre soluzioni di produzione. Tra queste ad esempio una NHX 5000 con magazzino pallet circolare RPS 14. Nell’area dedicata alla digitalizzazione sarà esposta una DMU 50 di terza generazione dotata di WH 15 Cell, che consente la lavorazione a 5 assi automatizzata di pezzi fino a 15 kg di peso. A completamento dell’offerta si vedrà il tornio universale NLX 2500 con GX e la fresatrice universale CMX 70 U con PH 150.

CMX 800 V
Alla AMB, DMG MORI presenta un CMX 800 V con gestione pallet PH 150.


Contattate il nostro personale addetto alla stampa specializzata per tutte le informazioni riguardanti la DMG MORI.

DMG MORI utilizza cookies per assicurarVi la migliore navigazione sul nostro sito web.  Navigando sul nostro sito web si accetta l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla protezione dei datiCondizioni generali di contrattoImprintDichiarazione di esclusione di responsabilità / Condizioni di utilizzo